Skip to content
(+39) 0574 6561 |  segreteria@prato.confartigianato.it  |  | Consulta la Webmail |
DL Energia

MERCATO TUTELATO: VERSO LA CONCLUSIONE

Il nuovo anno (2024) porterà la fine del mercato tutelato luce e gas per le utenze domestiche. Per chi è in regime di maggior tutela per il gas, con i suoi prezzi definiti direttamente dall’ARERA (Autorità di Regolazione per l’Energia le Reti e l’Ambiente), la fine del regime di tariffe bloccate è il 10 gennaio 2024. Entro quella data le famiglie e gli utenti potranno individuare un fornitore sul libero mercato. Per chi è in regime di maggior tutela per l’elettricità invece avrà tempo fino al 1 Luglio 2024 (proroga ARERA del 20 Dicembre 2023). A fare eccezione sono le fasce definite vulnerabili, che ancora non hanno effettuato il passaggio a un fornitore sul mercato libero.
A differenza del mercato di tutela, in cui il prezzo della materia prima luce e gas è definito dall’ARERA, nel mercato libero ciascun fornitore propone il proprio prezzo e su questo si basa la concorrenza (Nota bene che oneri e imposte sono sempre stabiliti da ARERA).  Chi non effettuerà la scelta di passare al mercato libero, per il gas rimarrà al medesimo fornitore con condizioni diverse mentre per l’elettricità avverrà (come accaduto per le imprese) l’assegnazione ad un fornitore definito attraverso apposite aste gestite da Arera (che dovevano essere effettaute in questi giorni ma che sono slittate tanto da generare la proroga da aprile a luglio). L’eventuale successivo passaggio al mercato libero sarà concesso anche a questi clienti.

Sul mercato libero sono presenti tante società di vendita e può essere difficile orientarsi nella miriade di offerte. Il nostro Consorzio Multienergia può consigliarti in questo momento di passaggio come già fatto per oltre 5.000 utenze, domestiche ed imprese (per le quali il mercato tutelato era già scaduto nel 2023).

Puoi interfacciarti con Multienergia anche attraverso i nostri operatori, contattando:


Condividi!

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su