Skip to content
(+39) 0574 6561 |  segreteria@prato.confartigianato.it  |  | Consulta la Webmail |

Piano Lavoro Sicuro, incontro al Pecci

Si è svolto oggi al Centro Pecci di Prato il seminario “Piano Lavoro Sicuro”, nel quale sono stati presentati i risultati e le prospettive dell’omonimo progetto regionale. I lavori sono stati aperti dal Sindaco Matteo Biffoni, del sostituto procuratore della Repubblica al Tribunale di Prato, Laura Canovai, del console generale aggiunto della Repubblica Popolare Cinese a Firenze Guan Zhongqi, dell’assessora all’Istruzione, ricerca e impiego della Regione Toscana Alessandra Nardini e dell’assessore al diritto alla Salute e Sanità della Regione Toscana Simone Bezzini. Interessante l’illustrazione dei risultati e delle prospettive del progetto da Renzo Berti, direttore del Dipartimento Prevenzione Azienda Usl Toscana Centro. Esposte dal coordinatore del gruppo specializzato “Prevenzione e contrasto ai gravi fenomeni di sfruttamento lavorativo” al Dipartimento Prevenzione Azienda Usl Toscana Centro Vito Leonardo Cascarano le azioni di contrasto allo sfruttamento e alla tutela delle vittime per un lavoro più sicuro e dignitoso. La prima parte si è conclusa con l’intervento di Patrick Doelle, direttore generale Migration and Home Affairs della Commissione Europea, che ha trattato il tema delle politiche dell’Ue per il contrasto allo sfruttamento lavorativo, insieme a Stefania Congia, dirigente Direzione Generale dell’immigrazione e delle politiche di integrazione al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali che ha spiegato quello che è il coordinamento delle politiche multilivello per l’integrazione e il contrasto allo sfruttamento lavorativo in Italia.
Nella seconda parte, spazio agli interventi delle parti sociali, con il presidente di Confartigianato Imprese Prato, Luca Giusti, che ha parlato di impresa e responsabilità con un intervento unitario per tutte le categorie economiche. A coordinare l’incontro è stato l’assessore alla Cultura e alla Cittadinanza del Comune di Prato Simone Mangani.

Condividi!

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su